altre destinazioni

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Il mercato delle applicazioni mobile visto da uno sviluppatore

29 luglio 2004

0 commenti

categorie

Russell Beattie ha appena pubblicato (in inglese) un breve pezzo che riepiloga le sue recenti esperienze di utilizzatore del primo servizio 3G in america, e che offre alcuni spunti di riflessione interessanti sul mercato delle applicazioni mobile dal punto di vista di chi sviluppa.

Il vero problema è questo: trovare il denominatore comune. Nel passaggio da Popolare e Pratico a Potente e Possibile, i numeri cominciano a svanire. Certo, società come BlueLava hanno venduto milioni di giochi scritti in Java, e certo TextAmerica ha 100.000 membri, e certo Verizon ha venduto 34 milioni di applicazioni Brew. Ma come sviluppatore e uomo d’affari, su cosa conviene puntare? Java? Allo stato delle cose Java significa sviluppare una volta e fare il debug ovunque. L’interoperabilità MMS è deludente, i servizi dati sono piuttosto costosi e variano tra operatori e paesi, i cellulari con fotocamera sono molto popolari ma rappresentano ancora solo il 15% circa della base utilizzata. E tutto ciò senza tenere ancora conto del posizionamento sul mercato degli smart phone. Sembra un panorama sepmlice, ma in realtà è piuttosto caotico.