altre destinazioni

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Podcast: Darkripper, giochi ma non solo...

22 dicembre 2004

7 commenti

gamesblog.itCome vi avevamo promesso ecco l’intervista a Darkripper, conosciuto per Sestaluna e da oggi per GamesBlog, con cui abbiamo chiacchierato di giochi, delle nuove console, e con cui abbiamo filosfeggiato zigzagando tra rl (la real life dei giocatori di ruolo accaniti) e realtà virtuale.

Come al solito, potete scaricare direttamente l’mp3 (per chi sta dietro un proxy che blocca gli mp3 un finto zip da rinominare in mp3) o sottoscrivere il feed RSS con le enclosure se usate iPodder o un programma simile.

I temi principali di cui parliamo in questa puntata.

Giochi di Ruolo Online (MoMRPG)
Second Life, Project Entropia, World of Warcraft, Anarchy Online

Altro
Alien Hominid, Starscape

Discussioni Varie
TheUniversal il gioco permanente gratis, Half Life 2, Chronicles of Riddick

PSP e Nintendo DS
divertimento portatile, l’attesa per la PSP in Giappone

Finalmente potete anche lasciarci i vostri commenti e le impressioni in coda a questo annuncio. Nei prossimi giorni pubblicheremo un articolo sul nuovo setup audio che abbiamo utilizzato in questa trasmissione, finalmente dotato di un mixer che ci permette di avere una migliore qualità e livelli di volume più omogenei.

Tutti i modi per entrare in società

21 dicembre 2004

1 commento

Quale migliore titolo per il mio post di debutto? E pensate, c’è anche la notizia collegata. Meglio di Mentana Rossella.

The Social Software Weblog pubblica una lista completa dei servizi di social networking conosciuti all’umanità, suddivisi in nove comode categorie: business; interessi comuni; appuntamenti; incontri faccia a faccia; amici; MoSoSo (Mobile Social Software); animali domestici; fotografia e casi limite o siti di “social networking esteso”.

Alla lista andrebbe aggiunta l’ultima frontiera italiana: ThreeBoo che esplora le possibilità del tristemente famoso marketing piramidale collegato alla comunità online e alle reti cellulari (di Tre, in questo caso). Mi piacerebbe inoltre sapere qual’è la differenza tra i siti dedicati ad appuntamenti, incontri e amici.

Collaborazioni...

21 dicembre 2004

14 commenti

Come vedete qui sotto e come promesso nei giorni scorsi, stiamo iniziando ad aprire Qix agli articoli di altri blogger. Il primo è Antonio di Pendodeliri, che ci aveva inviato un lungo articolo sul podcasting e poi, credo intimidito dalla “pesantezza” di Qix, ha pubblicato qui solo l’annuncio. Per chi non lo conoscesse, Antonio è uno dei protopodcaster italiani, che zigzagando dentro e fuori il raccordo anulare per un anno circa ha registrato e pubblicato i suoi deliri da pendolare in forma di audioblog in diretta dalla sua Xsara Patriarcale, destinata, come la Focus che l’ha preceduta, a diventare anch’essa un untuoso e becero cassonetto informe. Certo chi poi diventa famoso fa il pendolare con il suo elicottero privato, ma noi sinceramente preferiamo i pendolari nostrani, un po’ più vicini alla nostra realtà quotidiana. Aspettiamo un articolo di Pendodeliri sui suoi deliri audio e sulle analoghe esperienze dei pendolari inglesi, e fra non molto sarà ospite di un nostro podcast.

E come vedete qui sopra, oggi inizia la sua collaborazione anche Michele che cura il blog a orientamento tecnologico micampe, sicuramente uno dei più interessanti nel suo genere in Italia. Michele è anche un convinto fotografo e sviluppa software Open Source (in Python, il linguaggio che noi italiani sembriamo apprezzare di più e alla cui comunità diamo un valido contributo). Benvenuto Michele e grazie per avere accettato di darci una mano con Qix.

Il podcasting, entusiasmi e paure (non nostre)

20 dicembre 2004

4 commenti

Il podcasting può avere un impatto rivoluzionario sul modo di fruire contenuti multimediali in Italia? In questo post vi elenco almeno 6 buone ragioni per rispondere affermativamente a questo interrogativo.

Scoble and the iPod killer

20 dicembre 2004

Scoble writes a letter to Bill Gates on what Microsoft should do to compete with the iPod, and gets the Most Insulting Blog Entry Of The Year award. I agree he’s getting it all wrong, in typical big corporate thinking (I work for a huge company, and know a bit about corporate hype, and reverence to those in power, myself).

The irony is that Microsoft already has all the ingredients for the iPod killer. Windows Media Player on the PocketPC is the best portable audio application around, and PocketPC hardware has become cheap. Would you prefer to buy an expensive iPod that forces you to use iTUNES (at least officially), is plagued by Apple’s firmware updates, and only allows you to listen to music? Or would you prefer a sub-100$ handheld, powered by two AA batteries, with a monochrome touch screen to fast forward through a song easily and read ebooks, a CF card slot, and a bundled CF card reader? I would prefer the second, in fact I’m using a retrocomputing version of the same minus the AA batteries, and it’s the perfect audio device. Powerful audio output to be able to listen to anything in noisy subway cars, audio playing that remembers what you were listening and where when you power down the device, swappable storage, easy connectivity with any operating system via a minuscule CF card reader.

Scoble, you’re a blogger and you should know this, you don’t need big names, you need users. No need to “Pay whatever big money it’ll take to get stars like Elton John, Ludacris, Eminem, Shania Twain to work on designing an entirely new player from the ground up.”, just hire me and a couple other audio-ebook obsessed geeks, who know their way through the IT maze. :)

Oh, and if you are wondering why I did not update this site in a long while, I’ve been busy on a few other projects.

un decimo della BBC

19 dicembre 2004

Pare che alla BBC siano entusiasti dei podcast, dato che il feed sperimentale per la trasmissione In Our Time ha fatto registrare 70.000 download in Novembre. Noi ovviamente non siamo la BBC, e abbiamo lo svantaggio della lingua che diminuisce sensibilmente gli ascoltatori potenziali.

Dovremmo essere quindi entusiasti più dei nostri “colleghi” (ahem) inglesi, visto che abbiamo raggiunto un decimo dei loro ascoltatori. E i numeri di vendita degli iPod e degli altri lettori MP3 non possono che farci sperare in una crescita del traffico. Grazie a tutti per averci ascoltato, restate sintonizzati che le novità saranno parecchie. Post Scriptum – sarò campanilista ma la puntata di In Our Time che mi è piaciuta di più è quella su Machiavelli e le città stato italiane, decisamente raccomandata.

Eccoci di nuovo

19 dicembre 2004

18 commenti

Forse non ve ne siete accorti, e se fosse così vorrebbe dire che tutto è andato per il meglio, ma abbiamo appena migrato Qix al motore che gestisce i nostri blog commerciali. Meditavamo da un po’ questo passo e ci stavamo preparando, poi ieri ci è arrivata la comunicazione da Google che siamo stati accettati tra le fonti di Google News Italia nella categoria Scienze, e abbiamo deciso di accelerare i tempi. Cosa cambia con la nuova piattaforma? Per noi la facilità di inserire post, per gli utenti la possibilità di lasciarci commenti, per altri blogger l’occasione di collaborare a Qix da un loro account su questo server.

Compiuto questo passo, cosa abbiamo in pentola nei prossimi giorni? Soprattutto podcast, il primo che registreremo martedì sera intervistando Darkripper, che ci parlerà di sé e del nuovo sito dedicato ai games che verrà lanciato settimana prossima. Poi un podcast sul tema dell’emigrazione colta, con ospiti in studio e al telefono dall’estero. E poi una intervista a Tecla Dozio, la decana del giallo italiano. Se avete domande o curiosità su questi temi, inviatecele.

Con tutti i lettori che utilizzano i nostri feed ci scusiamo degli inevitabili disagi legati al cambio di piattaforma. Non abbiamo ancora riattivato i feed per categoria, se li utilizzate abbiate un po’ di pazienza.

Il vuoto del nulla

17 dicembre 2004

14 commenti

Per quanto mi sia simpatico Simone, sto trovando la puntata di stasera di RadioNation noiosa, anzi quasi insopportabile. Se avete la fortuna di non essere all’ascolto, provate a immaginare la registrazione di una serata in cui tre-quattro persone qualsiasi, un po’ grezze e senza particolari idee per la testa, chiacchierano a ruota continua facendo zapping alla televisione. E prendendosi un po’ sul serio, sentendosi la crème dei blogghettari italiani, la new wave dell’intellighenzia nostrana, portatori sani di una nuova forma ibrida di comunicazione, un po’ “Mai dire gol ” un po’ “Alcatraz”. Mi chiedo come tanta gente segua e partecipi, o i miei gusti sono parecchio lontani da quelli della massa (cosa abbastanza probabile), o come per CL basta sentirsi parte del gruppo…