altre destinazioni

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Vero o falso?

22 dicembre 2004

0 commenti

categorie

e-domeLa prima reazione di un amico che passava di qui poco fa vedendo l’immagine a fianco è stata “bello, ma quando lo costruiscono?”. E invece nonostante sembri uscito dritto dritto da un libro di Bruce Sterling (che quasi quasi ci becca anche con i cellulari in tessuto), il Tropical Islands Resort Berlin-Brandenburg esiste davvero ed è stato inaugurato pochi giorni fa. Riutilizza un hangar per dirigibili (e cosa sarebbe più appropriato in Germania di un suggestivo richiamo agli Zeppelin?) fatto costruire nel 1997 da una società poi fallita, da cui è stato acquistato per circa 30 milioni di euro. Altri 75 milioni se ne sono andati per riempire il guscio vuoto con 30.000 m3 di suolo e sabbia bianca, 500 piante esotiche, e tutti gli impianti necessari a riscaldare acqua e ambiente per creare un microclima temperato o subtropicale.

Leggendo il dettagliato e ironico articolo pubblicato ieri sul Guardian apprendiamo che nel padiglione lungo come tre campi da calcio e largo come uno e mezzo trovano posto una sipaggia tropicale, una laguna, uno spicchio di giungla, e tutti i servizi di un moderno centro ricreativo. Il Tropical Islands è aperto 24 ore al giorno tutto l’anno, e il piuttosto salato biglietto d’ingresso (20 euro per quattro ore, più un euro per ogni ora aggiuntiva) da diritto a tenere party sulla spiaggia e persino ad accamparcisi in tenda. Noi milanesi possiamo consolarci pensando che forse l’anno prossimo avremo di nuovo la nostra “spiaggia” sotto l’Arco della Pace.