altre destinazioni

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Una casa progettata per lo spazio sulla terra

25 agosto 2004

Progetto di casa della European Space Agency

La European Space Agency sta progettando una casa da costruire sulla terra con tecnologie sviluppate per le strutture utilizzate nello spazio. La casa è a forma di sfera e nel progetto attuale arriva a sostenere terremoti di intensità 7 sulla scala Richter, venti fino a 220 km/h e inondazioni fino ad un livello massimo di 3 metri. L’energia è fornita da pannelli solari, e l’acqua viene riciclata e purificata da un apposito sistema. Sembra che il progetto servirà per la realizzazione della Neumayer Antarctic Research Station.

Questa news, oltre che per la pratica bellezza del progetto (ogni tanto mi ricordo di essere un architetto, anche se più di nome che di fatto), mi ha colpito per l’attenzione dedicata al consumo di energia e risorse naturali. Proprio in questi pochi giorni di vacanza, leggendo degli aumenti del prezzo del petrolio e del progressivo esaurirsi delle riserve naturali, fantasticavo di un ambiente più ecologico, pulito e rispettoso di ciò che ci circonda (animali inclusi) cui fanno appunto pensare progetti come questo.

Olimpiadi mania

21 agosto 2004

Yetisports apre fino al 29 agosto un torneo sul proprio gioco per cellulari gratuito Ylympics. Il 30 verranno chiusi i download e nominato il vincitore fra tutti i punteggi ricevuti via Internet. Bruno Bozzetto presenta invece le Olimpiadi di Mr Otto, un’animazione segnalata da Flashwhore. Menzione speciale per i giochi olimpici, un classico di sala giochi e Commodore 64, riproposto in versione precristiana come Herculympics! – le mitologiche fatiche d’Ercole BBC style.

John Kabira fa otto

13 agosto 2004

Winning Eleven 8

Dai primi di agosto è disponibile sul mercato psx2 giapponese il nuovo capitolo nella simulazione per eccellenza del Gioco del calcio: Winning Eleven 8. I fan europei più accaniti si sono lanciati nelle release di patch per la traduzione dei menu e delle squadre.

Il gioco, non ancora recensito in italiano, presenta succose novità nel motore grafico con nuove animazioni (le finte e qualche goal, informato Divx), giocatori ipercaratterizzati e con un numero di squadre e stadi imprecisato. Da quanto si mormora il gioco non è esente da pecche: un down dei frame nelle scene più concitate in area in visione grandangolo ed un effetto luce sui giocatori che non ha convinto fino in fondo.

L’uscita della versione europea, come Pre Evolution Soccer 4 (PES4), è prevista per fine novembre: il gioco verrà finalmente convertito anche per Xbox e da qualche indiscrezione supporterà, udite udite, il multiplayer online via Live!

Quando conoscere un linguaggio non basta...

13 agosto 2004

The Daily WTF (traducibile all’incirca con l’eccheccazzo giornaliero) è un sito dove ogni giorno vengono pubblicate le perversioni più curiose dell’Information Technology che si possono trovare curiosando in rete. Le entry di questi giorni hanno alcune chicche davvero imperdibili, funzioni Visual Basic (e come stupirsene) tipo quella di una trentina di righe per invertire il segno di un numero n (lo stesso risultato che si ottiene con n * -1). Chi come me lavora in azeinde di grandi-medie dimensioni sa purtroppo che codice (e architetture) come queste sono la norma e non l’eccezione (e spesso sono state pagate centinaia di migliaia o addirittura milioni di euro). visto su Lawrence Oluyede

Emergent Democracy

11 agosto 2004

Emergent Democracy è un nuovo progetto on-line che coinvolge alcune delle migliori teste pensanti che coniugano l’interesse per sociologia e politica con quello per i nuovi media. Il progetto è un libro scritto a più mani strutturato come blog, dove ogni post è un capitolo liberamente scaricabile.

Riportiamo un frammento del capitolo 3 Power Laws, Weblogs and Inequality di Clay Shirky, sull’ecosistema dei blog e la sua struttura di potere.

Anche se ci sono più bloggers e più nuovi lettori ogni giorno, la maggior parte dei nuovi lettori portano nuovo traffico ai pochi blog più popolari, mentre la maggior parte dei nuovi blog ricevono una quantità di traffico sotto la media, una differenza che tenderà a crescere di pari passo con l’espansione del mondo dei weblog. [...] Ad un certo momento (probabilmente un momento che è già passato), la tecnologia dei weblog sarà vista come una piattaforma per così tante forme di pubblicazione, filtering, aggregazione, e syndication che [il termine] blogging non si riferirà più ad una attività particolarmente identificabile. Il termine "blog" diventerà generico, come è successo per "home page" e "portale", termini che una volta identificavano qualcosa di concreto, ma che sono stati allargati nell’uso fino a perdere di significato. Questo succederà quando il capo e la coda della distribuzione secondo la power law [spiegata nelle parti precedenti del capitolo] saranno così differenti che non potremo pensare che J. Random Blogger [un blogger qualsiasi] e Glenn Reynolds of Istapundit [uno dei blogger più letti] facciano la stessa cosa.

Cellulari e browsing

9 agosto 2004

Il sempre prolifico Russell Beattie ha appena pubblicato alcune considerazioni sullo sviluppo per i minibrowser, i browser dei cellulari che supportano XHTML-MP/WAP 2.0. A differenza di quanto avviene per pagine e applicazioni web consultabili da PC e per pagine WAP, Russell afferma che le applicazioni per WAP 2.0 sono meglio utilizzabili dall’utente se:

  • presentano pochi link
  • hanno più contenuti sulla stessa pagina
  • raggruppano i link "generici" come ‘indietro’, ‘about’, ecc. in una zona in fondo alla pagina

Le considerazioni di Russell appaiono ovvie per chi ha utilizzato i browser sui palmari o sugli smartphone, dove la risoluzione limitata dello schermo costringe spesso a lunghi e scomodi salti da un link all’altro per raggiungere il contenuto. Non sembrano essere altrettanto ovvie però per chi sviluppa siti e applicazioni di gran parte degli operatori.

Un Virus per cellulari Symbian in libertà

9 agosto 2004

Un articolo comparso su InformIT pochi giorni fa e ripreso dalla maggior parte dei blog che si occupano di telefonia mobile descrive in dettaglio il comportamento ed il modus operandi di un virus per cellulari Symbian, che si annida dentro una versione piratata di Mosquito, un gioco che utilizza la fotocamera del cellulare per simulare un ambiente di realtà virtuale.

Cercando su Google, si scopre che il virus, un trojan dialer che invia SMS ad un numero a pagamento, non è un fenomeno di questi giorni ma è in circolazione da qualche mese e figura anche in una interessante presentazione di F-Secure per Vodafone Spain dal titolo Mobile Threats (Minacce cellulari) che riporta la data del 15 giugno 2004.

colonna sonora per le mie news di oggi fornita dai Funkadelic

Cellulari bugiardi

9 agosto 2004

La notizia è di qualche giorno fa ma, date le poche novità di questi giorni di agosto, la riportiamo lo stesso e se non siete ancora in vacanza forse vi farà meditare sulla pochezza dell’animo umano (e su quante siano le occasioni di lucrarci): Virgin Mobile USA e Cingular Wireless hanno appena annunciato due servizi simili, che a richiesta inoltrano sul vostro cellulare una finta chiamata fornendovi l’occasione per sottrarvi a situazioni scomode come appuntamenti al buio in cui l’altra parte non sia all’altezza delle aspettative, riunioni di lavoro noiose, ecc. Data l’ora di maggiore utilizzo del servizio (le otto del venerdì sera) non è difficile immaginare quale siano le situazioni considerate più scomode.

Chissà se un servizio di questo tipo avrebbe successo in Italia, credo che culturalmente la fantasia per inventare scuse (altri direbbero la cafonaggine per non avere bisogno di scuse) non ci manchi.