altre destinazioni

vedi anche

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Digital Divide all'italiana

5 dicembre 2005

2 commenti

tag

categorie

Faccio sempre più fatica a capire lo spazio dedicato su Affari & Finanza di Repubblica alle supposte innovazioni in campo mobile. Oggi in prima pagina gran strombazzamento per i prototipi di cellulari Samsung con trasmissione dati a 20Mbps che verranno sperimentati alle prossime Olimpiadi di Torino, e a seguire un articolo trionfalistico sul “boom di diffusione dei videofonini” (ma dove? qui a Milano non è che se ne vedano granchè nemmeno intorno al “campus Omnitel” di Lorenteggio).

Non mi sembra che telefonini, TV sui telefonini, trasmissione dati ultraveloci sui telefonini (usate al massimo per vedere la TV o scaricare suonerie — almeno fino a che non ci saranno piani dati a prezzi accettabili), siano un volano di innovazione tecnologica (ma Samsung non è coreana?) e crescita economica. E forse prima di parlare di trasmissione dati a 20Mb sui cellulari o TV via Internet, dovremmo preoccuparci di estendere la copertura delle connessioni a banda larga a tutto il territorio e (utopia) liberalizzare la connettività WiFi. In campo digitale e informatico siamo già un paese di serie B, non ci vuole molto per scivolare ancora più indietro.

PS – Consiglio ai giornalisti di Repubblica: informatevi prima di scrivere, con Google ormai basta qualche minuto. “Al momento i terminali Pocket PC non sono ancora disponibili nella versione UMTS”. Bufala, l’i-mate JasJAr ad esempio è in vendita ormai da qualche mese, e supporta le connessioni UMTS

2 commenti

  • pendodeliri
    5 dicembre 2005 #

    1 mega, 4 mega, 20 mega, 1 giga…questa è la tecnologia secondo Turani e tutto il team di Affari e Finanza. ma c'è di peggio: ho sulla scrivania l'inserto di "Media Duemila", la rivista ufficiale dei teledotti che disgraziatamente mi arriva in abbonamento gratuito, forse pensano che io abbia ancora qualche budget per la pubblicità…ebbene in copertina, come simbolo della mobile generation, c'è una platea di imbecilli che agitano il telefonino. Mi ricorda le foto anni 50 del pubblico dei cinema in 3d, tutti con gli occhialetti e il sorriso stampato. Ma quando cresceremo? Quando matureremo? :-( P

  • ludo
    5 dicembre 2005 #

    Credo che purtroppo non cresceremo (cresceranno?) mai… Bella l'analogia con gli occhialetti rossi e blu :)