altre destinazioni

vedi anche

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Amazon EC2

24 agosto 2006

1 commento

tag

categorie

Conoscevo già Amazon S3 (il servizio di storage combinato con HTTP e Bittorrent), ma EC2 — o ComputeCloud — sinceramente mi era sfuggito, ed è una di quelle novità in grado di rivoluzionare il panorama dell’hosting per le applicazioni web. Avete presente VMware, il software con cui far girare più macchine virtuali dentro una singola macchina fisica (desktop, notebook, server)? Bene, elevate lo stesso concetto all’ennesima potenza, spalmatelo sui datacenter di Amazon che garantiscono prestazioni e affidabilità che pochi possono vantare al mondo, aggiungete dei Web Service di interfaccia per inviare e configurare le macchine virtuali, ed avete EC2.

In pratica, qualsiasi utente con un account per gli Amazon Web Service può creare il proprio sistema operativo personalizzato (o usare uno di quelli forniti da Amazon), inviarlo sullo storage associato con il proprio account, configurare pochi parametri e iniziare ad usarlocome se fosse un server vero e proprio, con caratteristiche non indifferenti: CPU 1.7Ghz Xeon, 1.75GB di RAM, 160GB di hard disk, ma soprattutto una banda disponibile di 250Mb/s. E non è finita qui: dato che l’immagine è già sul server, se la potenza non vi basta fate un paio di click e di server ne avete un altro. E un altro. E un altro…

Va bene, direte voi giustamente scettici, ma quanto mi costa? Non molto, anche confrontando i prezzi con quelli di provider che hanno infrastrutture, banda e affidabilità nettamente inferiori:

  • $0.10 per ogni ora
  • $0.20 per GB di traffico verso Internet
  • $0.15 per GB utilizzato ogni mese per ospitare la macchina virtuale

Proviamo a fare due conti: 24 ore per 30 giorni sono 72 dollari; 10 Gb di spazio disco per il sistema operativo aggiungono 1.5 dollari; un Tb (1000 Gb) di traffico al mese aggiungono 150 dollari; il totale è di 225 dollari al mese, una cifra decisamente competitiva con le offerte correnti di hosting, e soprattutto proporzionale a quanto davvero utilizzato: se il traffico scende scende anche il costo del server. Sono stupefatto, quelli di Amazon sono dei geni e se EC2 prenderà piede (come credo) si annunciano tempi duri per gli ISP tradizionali. Personalmente, mi sto chiedendo se non vale la pena provare il servizio per la classifica dei blog.

1 commento

  • Stefano Vitta
    25 agosto 2006 #

    Dire che è interessante è poco… se vai in avanscoprta e poi riporti l'esperienza ti prometto un sacco… di grazie ;)