altre destinazioni

vedi anche

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

 Spigolature / 9

24 ottobre 2006

3 commenti

tag

categorie

Chi controlla i controllori? Pare che la Comunità Europea, che dovrebbe essere tra gli organismi preposti alla tutela del diritto d’autore, stia violando da anni la proprietà intellettuale di Systran, la società francese leader mondiale nello sviluppo di software per la traduzione automatica. Secondo Bruno Giussani di Lunch over IP, che riporta i dettagli dello scandalo in divenire, sarebbe un po’ come se la CEE avesse deciso di apportare modifiche a Windows, dando in appalto il progetto a una società terza senza nemmeno consultare la Microsoft.

Il nuovo Acrobat. Si chiama Digital Editions il successore di Acrobat, rilasciato in beta dalla Adobe per Windows e prossimamente disponibile su tutte le altre piattaforme. Il nuovo programma introduce finalmente il reflow del testo per adattare la pagina alle dimensioni dello schermo, una funzionalità indispensabile per leggere su smartphone e palmari, ed è decisamente orientato verso la fruizione di ebook. Dai tanti segnali di questo periodo, non è azzardato ipotizzare che gli ebook si stanno avviando a diventare un fenomeno di massa. Restano le perplessità sullo schema DRM proprietario. Maggiori dettagli sul sempre interessante TeleRead.

Un BarCamp affollato. Gaspar si chiede — giustamente — come e se si riusciranno ad accomodare le 25 e più sessioni previste nell’unica giornata del BarCamp di Torino. Secondo me, dato che molte sessioni sono iperspecialistiche e avranno un pubblico limitato, non avranno bisogno dello spazio di una sala ma si trasformeranno in chiacchierate di poche persone introno a un portatile, e potranno quindi essere programmate in parallelo. Il distributed computing è la via del futuro…

3 commenti

  • Marco Cattaneo
    24 ottobre 2006 #

    Mah. Che gli ebook possano diventare un fenomeno importante, se posso permettermi, ho fortissimi dubbi. Il bello, poi, è che la stessa tendenza "ebook-oriented" di Acrobat, la dovevano avere le ultime due release. Sono certo che spulciando le press-release si trovano le stesse cose :)

  • ludo
    24 ottobre 2006 #

    Marco, Acrobat non è mai stato "ebook oriented", ma "print oriented" prima — come evoluzione di Postscript — e "form oriented" poi — per venderlo in ambienti Enterprise. Oltre alla pesantezza, ad Acrobat sono sempre mancate funzionalità indispensabili per gli ebook come il refolw del testo, eredità appunto della "print orientedness". e Digital editions non è una release di Acrobat ma un prodotto nuovo.

    E tra i segnali di mutamento nel panorama degli ebook, non scordare l’acquisizione di Mobipocket da parte di Amazon, e la comparsa dei primi device basati su inchiostro elettronico che, anche se immaturi, stanno già rivoluzionando il mercato.

  • Eugenio
    26 ottobre 2006 #

    Riguardo al barcamp: da quanto mi era sembrato di capire attraverso il wiki (http://barcamp.org/BarcampTurin) si doveva "votare" quali erano i talk piu’ interessanti in modo da arrivare alla data con un’idea abbastanza precisa della scaletta…
    In realta’ per ora quasi nessuno ha votato quindi i casi sono due:
    1) nessun talk e’ interessante (e non mi sembra davvero che sia cosi’!)
    2) gli iscritti al barcamp sono svogliati :-))

    Ludo tu che sei stato a quello di Mi se non sbaglio, come si e’ decisa la scaletta degli interventi?