altre destinazioni

vedi anche

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Non solo la carta stampata...

23 luglio 2007

6 commenti

tag

categorie

L’annoso dibattito sulle non-citazioni delle fonti da parte di chi scrive per professione, riaperto recentemente da Marco, si arricchisce di un nuovo capitolo: sembra che anche i giornalisti televisivi della RAI abbiano il brutto vizio di spacciare come farina del proprio sacco della propria redazione contenuti e idee prodotti da altri.

Questa volta è toccato a Enrica, che ha una lunga esperienza come opinionist sul sud-est asiatico, soprattutto per la radiotelevisione della Svizzera Italiana. A differenza dei loro colleghi elvetici, i giornalisti di casa nostra sembra che non solo pretendano opinioni gratis et amore Dei (tanto si sa, in Italia la carriera accademica è meritocratica e molto ben pagata), ma le riutilizzino poi senza nemmeno citare l’autore. Sarebbe carino sentire cosa ne pensa Gianni Riotta, direttore del TG1. Se vi va, riprendete e diffondete, senza linkare questo post ma quello originale di Enrica.

6 commenti

  • enrica garzilli/boh
    23 luglio 2007 #

    Il problema non è citarmi come fonte, ma attribuirmi la paternità dell’opinione, come secondo i nostri accordi.

    E’ un problema di copyright.

  • Andrea Opletal
    24 luglio 2007 #

    il Giornalismo Italiano fa schifo ….

    scusa lo sfogo ma è quello che penso, si va a caccia di notizie, si deformano le notizie dando spesso una visione distorta dei fatti al lettore …. questo è quello che accade tanto che il "caso Corona" a coperto tutte le prime pagine di ogni testata giornalistica … assurdo!!!

  • Dario Salvelli
    24 luglio 2007 #

    Uhm,non solo le fonti ora anche le opinioni…problema di copyright,certo,ma anche di etica e di serietà. Diciamolo.

  • enrica+garzilli/boh
    24 luglio 2007 #

    Dario, perché non lo dici anche da me?:) Visto che qualche tuo collega tace, collega (maschio e femmina) che magari si è fatto sentire più volte per "consulenze" e per amicizia.

  • Francesco
    24 luglio 2007 #

    Semplice lezione da imparare! Mai credere alla parola di un giornalista italiano! Meglio avere gli accordi per iscritto. Penso che alla fine bisogna cercare di fare i propri interessi e salvaguardarli. La parola oggi non conta piu’ nulla, e non solo nel mondo del giornalismo!

    Francesco
    Nuovibusiness

  • enrica+garzilli/boh
    25 luglio 2007 #

    Francesco, la cosa sta un po' meglio di quanto temevo, anzi, molto meglio, e poi molte cose si fanno ancora sulla parola. Io ho una credibilità da salvaguardare e anche un giornalista o una testata. Cmq stasera metto tutto nel mio post. ciao:)