altre destinazioni

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Piccolo consiglio musicale

31 luglio 2008

4 commenti

Sto ascoltando Watcha Playin’ dei Brooklyn Funk Essentials. Se avete qualche euro da spendere procuratevelo o almeno sentitelo su last.fm, vale la pena. Via.

L'ortografia è un'opinione

29 luglio 2008

7 commenti

Dalla home di Geekissimo di oggi:

  • “come guardare film porno (e non solo) a lavoro o a scuola senza farsi scoprire!”
  • “L’Asus EEE è senza dubbio uno del laptot
  • “viene aggiornata meno spesso ed e meno ricca di features
  • “Quante volte durante la stesura di un documento vi è venuto qualsiasi dubbio su un affermazione?”
  • Personaliziamo un po le Proprieta
  • ecc. ecc.

Per non parlare della sintassi, che ci regala perle come questa: “Quando siete a lavoro sicuramente non potrete navigare sui vostri siti
preferiti, come Geekissimo, altrimenti se dovesse passare il vostro
capo probabilmente potrebbe sgridarvi di brutto, dato che non è proprio
un Geek come voi.”

Ora, capisco che per fare due lire con un blog di nanopublishing si sia costretti a sfornare post a getto continuo, ma a pubblicare cose del genere ci vuole veramente un bel coraggio. Almeno potrebbero utilizzare un correttore ortografico, e darsi la pena di rileggere quello che scrivono. Ho preso Geekissimo ad esempio perchè per la prima volta da secoli sono passato a dare un’occhiata, ma il discorso è valido per molti altri blog.

Questione di proporzioni

29 luglio 2008

2 commenti

La sede della Rollprint in viale Certosa

E’ qualche tempo che cerco dei fogli di biadesivo che mi servono per riparare un paio di cuffie, e oggi per caso ho incrociato un posto qui vicino all’ufficio che sembrava fare al caso mio. L’insegna riportava “nastri adesivi e biadesivi da 1 a  1000 metri”, così mi sono deciso e sono entrato alla Rollprint, convinto che ne sarei uscito con un bel foglio di un metro quadrato di quel biadesivo trasparente che ricordo dalle elementari, e sembra ormai essere introvabile.

C’è voluto poco per scoprire la realtà: alla fatidica domanda “quanto ne ha bisogno?” ho mimato con le mani le dimensioni delle cuffie da riparare, e ho visto spuntare dei sorrisi divertiti: la quantità minima di vendita è un bancale, corrispondente a non so quanti mille mila metri di adesivo. Sarà stato l’accenno a oggetti da riparare, sarà stata l’espressione tra il deluso ed il fesso che mi si deve essere dipinta in faccia, il titolare (credo) della Rollprint è stato gentilissimo e ha iniziato a farmi un po’ di domande per capire quale fosse il foglio adesivo più adatto. Così è che dopo cinque minuti sono uscito con un foglio A4 di Avery Dennison FT107 marcato “sample”, vagamente imbarazzato, e assolutamente stupito dalla gentilezza (ovviamente disinteressata dato che mai mi troverò nella condizione di acquistare qualche bancale di adesivo) del personale della Rollprint. Che quindi si merita — per quanto possa servire — questo post: se avete una attività commerciale per cui vi servono adesivi e biadesivi fateci un pensiero, se sono così gentili con il primo che passa credo che fare affari con loro possa essere una bella esperienza.

Prima di concludere ho fatto un giretto su Google: la Rollprint ha un negozio online anche per privati dove è possibile acquistare etichette, carta fotografica e adesivi. Se vi serve qualcosa del genere fateci un salto, è il migliore (anzi, l’unico) modo che ho per ringraziarli.

Mangiare con tre euro e mezzo a Milano

20 luglio 2008

25 commenti

Impossibile? Beh dipende da quanto vi accontentate, ma se vi bastano: un trancio di pizza discreto (sicuramente mangiabile anche per chi non è un pizza geek come me) e una lattina di Lemonsoda (o bibita a scelta), seduti in un locale pulito, fate un salto da Blu Istanbul in via Emanuele Filiberto (zona Sempione). Io ci mangio ogni tanto dato che è a 100 metri dal mio ufficio, e credo sia il locale con il miglio rapporto qualità/prezzo a Milano.

Si riapre

18 luglio 2008

2 commenti

Dopo quasi quattro mesi, Blogbabel ha riaperto nel giorno del suo secondo compleanno. Casomai ve lo foste scordati, il gruppo attuale è composto da Enrica, Fabio, Jan e Stefano. Più una persona che non si considera parte del gruppo a tutti gli effetti ma sta facendo davvero parecchio dietro le quinte. E se vi piace la nuova sezione con i post più citati, dite grazie a Vittorio. Trovate i nomi di tutti (speriamo) quelli che hanno collaborato a BlogBabel in questi anni in una nuova pagina.

Caro Lazyweb...

15 luglio 2008

7 commenti

Caro Lazyweb, cosa si fa di un iPhone (non 3G) 8Gb sbloccato con la parte superiore del touchscreen che non funziona?

Qualche minuto con il W760

10 luglio 2008

1 commento

Qualche appunto sul W760 ricevuto settimana scorsa. Ne arriveranno altri in seguito, purtroppo non sull’utilizzo delle funzionalità AGPS e sulle applicazioni Internet dato che la mia SIM ha l’accesso dati disattivato.

Il cellulare è comodo, un po’ più grosso e pesante dell’E51 che sto usando in questo periodo. La cosa che mi ha colpito di più, passando appunto dall’E51 a questo, è la grandezza del display che ha dimensioni perfette (almeno per me) per essere utilizzato come lettore di ebook. E guarda caso Mobipocket ha rilasciato in questi giorni la prima versione alpha del suo Reader per i cellulari SonyEricsson non UIQ. L’ho installata — come al solito il supporto Bluetooth dei SonyEricsson è su un altro pianeta (nel senso di molto, ma molto meglio) rispetto ai Nokia — e appena recupero un lettore di schede di memoria con lo slot giusto, o riesco a capire come spostare l’ebook nella cartella giusta con il File Manager integrato, vi dirò anche come funziona.

A proposito di File Manager, una piccola sorpresa sono stati i percorsi delle unità di memoria, che sono identici a quelli utilizzati dalle varie versioni di Symbian (come i percorsi dei dischi DOS, per intenderci), e mi fanno pensare che il W760 dietro le quinte utilizzi una versione non UIQ di Symbian invece del classico sistema operativo dei cellulari SonyEricsson di fascia media. E in effetti l’interfaccia utente è diversa da quelle classiche dei SonyEricsson, e tra le funzioni presentate dal tastino di scelta rapida (quello in basso a sinistra, che trovo comodissimo) ce n’è una che mostra i programmi in esecuzione e mi ricorda tanto il task manager del vecchio P800. Il seguito nei prossimi giorni.

Una tranquilla domenica di sconforto

6 luglio 2008

13 commenti

Qualche settimana fa, complici un po’ di coincidenze e alcuni dei progetti open source sviluppati in passato, ho ricevuto una proposta per lavorare full time in una delle startup americane più visibili di questo periodo. Per intenderci, una i cui prodotti o servizi sono utilizzati dalla stragrande maggioranaza dei blogger, italiani e non. Una proposta affascinante, non solo per il tipo di lavoro o il compenso, ma anche per le modalità che ricordano unpo’ quelle dei bei tempi di TextDrive: un gruppo disperso, che si tiene in contatto con IM email e VOIP, e si incontra periodicamente in occasioni che sembrano più gite fuori porta che riunioni di lavoro.

Una proposta che probabilmente rifiuterò: non solo perchè ormai sono un po’ cresciutello per rischiare (sappiamo tutti che negli Stati Uniti non ci sono tanti paracaduti se il rapporto di lavoro si dovesse incrinare per qualsiasi motivo) specie data la mobilità del mercato del lavoro italiano, ma soprattutto perchè la situazione economica è grigia e di questi tempi credo che convenga tenersi stretti un lavoro magari noioso, ma solido ben remunerato e tutto sommato anche comodo.

Neanche a farlo apposta, poco fa mi sono cascati gli occhi sulla pagina delle discussioni del sito di sviluppo di BB, che sembrano prospettare un futuro prossimo ancora più nero di quello che immaginavo. Meno male che noi blogger abbiamo un modo per salvarci dall’ansia (anche se non per riempire il portafoglio, almeno per la maggior parte di noi). Ecco un frammento delle discussioni di oggi.

Discussioni di oggi