altre destinazioni

vedi anche

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Perchè BlogBabel non è più in vendita

8 settembre 2009

6 commenti

tag

categorie

Immagino che alcuni di voi si staranno chiedendo come mai l’asta per BlogBabel è stata ritirata da ebay. Sapevo che la chiusura avrebbe scatenato i (pochi) soliti noti, e che le voci di corridoio sarebbero state che BB non aveva raggiunto un prezzo adeguato, o peggio. Quello che è successo è in realtà molto più semplice: tra le tante offerte e manifestazioni di interesse ricevute in questi giorni ce ne sono state due (edit: tre) particolarmente significative, che al di là del mero trasferimento di codice, dati e dominio prevedevano una collaborazione con idee chiare, e risorse adeguate per sostenerle.

Non è difficile quindi capire che offerte di questo tipo, dove la maggior parte del valore economico dell’operazione non è attribuito alla vendita ma a quello che succede dopo, siano difficilmente paragonabili a quelle “anonime” che avrei ricevuto negli ultimi minuti dell’asta, e proseguire con questo formato non avrebbe solo fatto un torto a chi ha le migliori idee imprenditoriali e può dispiegare risorse significative, ma anche a tutta la fatica e l’impegno messo in BlogBabel in questi anni.

Da qui la sospensione dell’asta che rientra nei termini previsti da ebay, dato che le due offerte in questione altro non sono state che la prosecuzione di colloqui avviati parecchi mesi fa, cui la messa in vendita di questi giorni ha solo dato una accelerata finale. Spero quindi che chi aveva intenzione di partecipare all’asta (per non dire dei soliti, per fortuna pochi, facinorosi che hanno circondato BlogBabel in questi anni) si astengano dal ricorrere ad ebay perchè ne ricaverebbero poche soddisfazioni, dato che gli incontri dei mesi scorsi con chi ha presentato le due offerte sono documentabili in maniera oggettiva.

Questi ultimi giorni sono stati un vero tour de force, ma sono molto soddisfatto di come si è conclusa la vicenda e sono convinto che lo spirito e la tecnologia di BlogBabel verranno valorizzate al massimo nell’immediato futuro, grazie anche a un gruppo di persone entusiaste e con le idee molto chiare.

Un’ultima considerazione su ebay: lo uso da anni sia come venditore che come acquirente, ma non avrei mai pensato che mettere in vendita BlogBabel sarebbe stata una mossa così azzeccata. In un mercato tutto sommato stagnante e molto poco tendente al rischio come quello italiano, le trattative si trascinano per mesi e spesso chi compra adotta di proposto una tattica attendista, ben sapendo che le opportunità sono davvero poche. Mettere all’asta un servizio (e vi assicuro che se non avessi ricevuto offerte complesse che con l’asta poco avevano a che fare, BlogBabel sarebbe stata venduta su ebay) ha innescato due meccanismi: da un lato ha fatto intravedere ad alcuni la possibilità di acquistare qualcosa ad un prezzo basso, inferiore a quello reale e alla portata di budget tutt’altro che faraonici; dall’altro, ha spinto chi già aveva interesse ad un’acquisizione ad accelerare i tempi per cercare di raggiungere un accordo prima della scadenza dell’asta, costringendo a spingere sull’acceleratore e permettendo anche di saltare parecchie delle pastoie burocratico/aziendali (budget, approvazioni, ecc.) tipiche di processi di vendita normali.

Dov’è il nome di chi ha comperato? Per ora da nessuna parte, ho firmato un accordo di riservatezza e per una volta, finalmente, non tocca a me gestire modi e tempi di comunicazione. E credo, d’ora in poi, nemmeno più trattare con i soliti pochi facinorosi. Delle soddisfazioni di questi giorni sicuramente la più a buon mercato, ma non per questo meno gustosa.

PS — se siete tra quelli che hanno collaborato a BlogBabel in passato, abbiate un pochino di pazienza: non mi sono dimenticato di voi.

PPS — la frase “migliori idee imprenditoriali” è un po’ forte e qualcuno se l’è presa, scusatemi ma a questo punto sono davvero cotto e non mi esprimo con chiarezza, avrei dovuto scrivere “le idee imprenditoriali più vicine allo spirito originario di BB”; quello che volevo esprimere era che certe idee (incluse quelle di una terza offerta discussa in extremis e seguita da una puntatona su ebay) mi sembravano valorizzare il mio impegno di questi anni, altre (l’utilizzo come strumento di SEO massiccio ad esempio) un po’ meno.

6 commenti

  • Dario Salvelli
    8 settembre 2009 #

    Caro Ludo, non per fare polemica anzi faccio l'in bocca al lupo a te ed al futuro di BB ma direi che hai ottenuto il "massimo" da questa asta di ebay (tra l'altro non è mai carino nè bello chiuderne una). Era proprio necessario aprire una asta sapendo poi di chiuderla solo per accellerare una trattativa? Se l'azienda era così interessata non poteva chiudere e farsi avanti definitivamente? Nei termini di ebay c'è scritto che "non puoi annullare le offerte e chiudere anticipatamente le inserzioni per evitare la vendita di un oggetto che non ha raggiunto il prezzo desiderato": probabilmente non era (solo) questione di soldi ma se il prezzo di qualche offerta fosse stato adeguato come chiudere l'asta? Fosse stato un pettine magari sarebbe stato accettabile ma nel caso di Blogbabel fare una cosa del genere la trovo abbastanza azzardata e scorretta. Ovviamente sono punti di vista. :-)

  • Luca Zappa
    8 settembre 2009 #

    Ludo, qualche considerazione qui:
    http://www.lucazappa.com/2009/09/08/blogbabel-e-stato-venduto-non-direttamente-sullasta-ebay/

    Ci sono secondo degli aspetti negativi della vicenda, ma vediamo come andrà la discussione, per ora via alle cose positive, dal mio punto di vista, dell’intera vicenda:

    1. un servizio web made in italy viene startuppato e venduto, good news

    2. vendere su eBay l’intero servizio, con i dati, sapendo quando gente ha negli anni collaborato per una cifra intorno ai 6K sarebbe stata una roba deprimente per tutti

    3. vendere su eBay a un compratore "anonimo" senza una discussione sul futuro del servizio sarebbe stato per te, immagino, molto brutto

    4. se quella di eBay era una strategia per ottenere questo risultato, piano perfetto (poi è da valutarne se sia corretto o meno, ma tempo al tempo in attesa magari di avere altre informazioni)

    5. penso che chi si occupa di web in Italia, quando ha saputo che BlogBabel era in vendita per 5K, piacesse o meno, abbia almeno speso 5 minuti del suo tempo per pensare se e come avrebbe potuto sfruttare il servizio se fosse finito nelle sue mani. Io l’ho fatto…

  • ciro
    8 settembre 2009 #

    a me incuriosisce il futuro. Quindi in bocca al lupo.

  • ludo
    8 settembre 2009 #

    Dario, non ho mica fatto l’asta solo per accelerare, evidentemente non mi sono spiegato bene, questi ultimi giorni sono stati un po’ frenetici. :) L’asta era fatta per vendere, poi l’effetto secondario è stato che una vecchia trattativa rimasta parcheggiata da qualche mese si è riaperta. Vendo (e compro) da anni su ebay, non è la prima volta che mi capita di chiudere un’asta ma non ho mai fatto giochi sporchi. Oltretutto, mica ho annullato perchè il prezzo era basso: l’asta scadeva domani il tempo per rialzare c’era eccome.

    Luca, ora vado a leggermi il tuo post. Rispetto alle prime considerazioni, i 5k (e non sei l’unico ad averli interpretati in maniera differente) erano intesi come prezzo simbolico di partenza, Chi usa ebay sa benissimo che tra prezzo di partenza e prezzo finale, se c’è un minimo di interesse da parte di chi compra, non c’è nessuna relazione. Quindi non ho svalutato BB, o semplicemente messo un prezzo simbolico che non fosse 1 euro, e ripensandoci 1 euro sarebbe stato più chiaro. Poi ripeto, la mia non era una strategia, era una voglia di dare una scossa, vendere e passare ad altro. Poi è finita in modo diverso…

    Ciro, grazie!

  • Fede
    9 settembre 2009 #

    Sono felice per come si è conclusa la "vendita"! Mi auguro di cuore che l'accordo chiuso ti permetta di sviluppare (in tutti i sensi) Blogbabel in linea con la sua filosofia. Complimenti vivissimi!

  • jan
    9 settembre 2009 #

    Sono curioso. L'asta stessa secondo me rendeva più interessante un accordo globale per server (non inclusi) e servizi, che non il nudo acquisto di codice e db. Per come lo racconti il deal sembra una conclusione (ed un nuovo inizio) più vantaggiosa per il progetto e per il lavoro fatto finora.