altre destinazioni

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Codice "nazazionale"?

3 ottobre 2012

5 commenti

Non so se avete mai avuto la sfiga di dover scrivere un algoritmo per il calcolo del codice fiscale. Io si, lo sto facendo ora, e anche se in rete ce ne sono mille esempi, farlo per bene non è semplice come potrebbe sembrare.

Un pezzetto del codice fiscale è infatti composto da un codicino alfanumerico, il cosiddetto “codice dei Comuni d’Italia e degli Stati Esteri”, univocamente assegnato in base al luogo di nascita. Embè, direte voi? Embè, appunto: i codici seguono ovviamente le evoluzioni geopolitiche del territorio. Non hanno quindi, come in tutti gli esempi che ho trovato in rete, una sola dimensione — il nome del luogo — ma ne hanno due: il nome del luogo in un preciso momento temporale.

Una persona nata a Belgrado trent’anni fa ad esempio ha un codice per lo stato jugoslavo che ovviamente non esiste più, una nata nella stessa Belgrado in anni più recenti ha un codice per lo stato serbo. Una persona nata quando il comune di Abbiate Guazzone non era ancora stato accorpato con il comune di Tradate ha un codice, una nata ora ad Abbiate Guazzone — che non esiste più ma immagino continui ad esistere nell’uso comune — ha un codice diverso. Eccetera eccetera.

Di nuovo, embè? direte voi: ci saranno delle tabelle pubblicate dal ministero, basta trovarle, importarle, controllare il codice in base alla data di nascita e alla località, e il gioco è fatto. Embè, appunto di nuovo: le tabelle ci sono, sul sito dell’Agenzia del Territorio, ma sono un bell’esempio di burocratese applicato ai dati.

questo post continua, leggi il resto

Open Data Milano

3 ottobre 2012

Bellissima l’iniziativa Open Data appena lanciata dal Comune di Milano: un portale dove vengono pubblicate serie di dati sulla popolazione e il territorio, scaricabili e utilizzabili con licenza Creative Commons.

I dati disponibili non sono ancora moltissimi, ma è un buon inizio: sarebbe bello che venissero aggiunti, oltre ai dati demografici e alla localizzazione di servizi e attività, dati sul traffico, multe, crimini, ecc. in modo da poter creare qualcosa di simile ad Everyblock.

Un paio di appunti: forse sarebbe stato meglio provare alcune funzionalità prima di lanciarle, ad esempio la pagina “contatti” richiede un captcha che però non è visibile, e la pagina “applicazioni” ha una grossa intestazione dove forse dovrebbe stare una mappa, che però manca. E poi, le serie demografiche sono interessanti, ma se la chiave principale è il quartiere, e il documento che mette in relazione la denominazione di un quartiere con la sua localizzazione geografica non c’è, l’utilizzo dei dati è parecchio limitato.