altre destinazioni

vedi anche

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Come risparmiare batteria su Android

15 marzo 2013

1 commento

tag

categorie

Copio e incollo un post che ho scritto poco fa su un forum Android italiano, in risposta a un utente che chiedeva come risparmiare batteria rimuovendo le applicazioni che “appesantiscono” il telefono. Magari serve a qualcun altro.

Non è tanto un problema di appesantire, quanto un problema di app che segnalano al sistema operativo che non deve andare in “deep sleep”, cioè in modalità risparmio energetico, facendogli quindi consumare molta più batteria di quanto dovrebbe.

Spesso questo comportamento è esattamente quello che ti serve, ad esempio se hai i dati attivi e la sincronizzazione di posta attiva, il cellulare deve periodicamente controllare se hai nuovi messaggi, e restare almeno in parte sveglio per farlo.

A volte invece è dovuto alla pigrizia o all’incompetenza di chi sviluppa una app, che per semplificarsi la vita se ne frega dell’utente e quindi del risparmio energetico, con la conseguenza che la app tiene il cellulare sempre attivo.

Come controlli se il tuo cellulare va in modalità risparmio energetico? In prima battuta dal grafico che trovi nella voce “batteria” delle impostazioni. Se clicchi sul grafico e lo apri, vedrai che hai una voce in basso con scritto “awake” (non ricordo la traduzione italiana) che indica quando il cellulare è stato sveglio per fare varie attività. Idealmente dovrebbe essere il più vuota possibile, con la riga blu piena solo in corrispondenza di schermo acceso, telefonate, o ascolto musica.

Far durare di più la batteria significa quindi diminuire il più possibile il tempo in cui il cellulare è stato sveglio e attivo, quando non ti serviva che lo fosse. Per raggiungere questo scopo ci sono due strategie complementari.

La prima è di non tenere attivate cose che non ti servono, quando non ti servono. Ad esempio, se sei davanti al pc o stai dormendo, la connessione dati e la sincronizzazione non ti servono, se le spegni risparmi batteria. Lo puoi fare comodamente con i vari widget “toggle” tipo interruttore.

La stessa cosa vale per le varie notifiche di programmi come facebook e twitter, la comunicazione della tua posizione a latitude o foursquare, ecc. Se ti servono tienile, ma sappi che aumentano il consumo di batteria perchè costringono il cellulare a stare sveglio per determinati periodi e controllare se hai notifiche nuove, o se ci sono nuove informazioni da inviare a un servizio. Se invece non ti servono, e facebook ad esempio ti interessa vederlo solo quando apri la app, disattivando le notifiche risparmi sicuramente batteria.

La seconda, e quella che spesso dà luogo a consumi anomali, sono invece le applicazioni “fetenti” di cui parlavo sopra. Queste impediscono al cellulare di andare in modalità risparmio energia. Se vedi che il tuo telefono non va mai in “deep sleep”, o ci va molto meno di quanto dovrebbe (ad esempio di notte), al 99% hai applicazioni che si stanno comportando male.

Come le individui? Con better battery stats , un programma che ti permette di verificare quali eventi di sistema (e quindi spesso quali applicazioni) hanno tenuto sveglio il telefono. E’ a pagamento, ma se cerchi “better battery stats xda” su google, e ti registri sul forum xda, puoi scaricare la versione per sviluppatori che è identica e gratuita.

1 commento

  • Taifu
    15 marzo 2013 #

    Awake = Attivo

    :)