altre destinazioni

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Jiayu G3, dove comprarlo (e ne vale la pena)?

18 marzo 2013

6 commenti

Riprendo qui alcune risposte che ho mandato per email a chi, dopo aver letto il post di qualche giorno fa su Android e i produttori cinesi, mi ha chiesto dove acquistare il Jiayu G3. Il discorso vale ovviamente in buona parte anche per molti altri cellulari cinesi di questa fascia.

questo post continua, leggi il resto

Arrampicatori e acrobati urbani

31 maggio 2006

2 commenti

Molto più spettacolari degli arrampicatori urbani che Alberto riprende da un post di Nòva, sono a mio parere i pazzi scatenati del Parkour. Disciplina (sport?) estrema inventata qualche anno fa dal francese David Belle (qui in una intervista abbastanza spettacolare, qui in uno spezzone dal film Banlieue 13).

Per darvi un’idea di cosa significa il Parkour, gustatevi questo filmato dei lituani Dvinsk Clan che ha fatto il giro di Internet più o meno un anno fa (lo show inizia dopo al secondo minuto).

Blog musicali / 1

21 maggio 2006

6 commenti

Come promesso a Pez, inauguro con questo post una serie sui blog musicali, da cui mi rifornisco del materiale udibile con cui tollerare le pulizie settimanali. Un’ottima maniera per conoscere nuovi artisti, nutrire il lettore MP3 senza spendere un occhio della testa, e farsi un po’ di cultura musicale.

Il primo della serie è Benn loxo du taccu, blog dedicato alla musica africana il cui titolo in Wolof significa più o meno “una mano sola non può applaudire”. Grande competenza e passione, e uno-due brani in MP3 per ogni post, rimossi periodicamente per fare spazio ai nuovi file. Non fatevi sfuggire l’ultima entry sull’Highlife, con un bellissimo e suggestivo brano di Paulson Kalu.

Altri post sui blog musicali: Mobtown Ska Sounds.

Questi manager...

5 maggio 2006

3 commenti

All of them suffer from hard working shlubs who are stuck in a situation created by incompetent managers, who have built esoteric mountains of complicated and brittle systems with a million moving parts, 3/4′s of them outsourced, where it’s simply impossible to get anything done..

A volte Joel se ne esce con un post che giustifica la permanenza del suo feed nell’aggregatore. Questa è una di quelle volte. E meno male che i salari dei manager sono cresciuti negli ultimi anni a ritmi vertiginosi (niente link, non ricordo più dove l’ho letto).

Cambiando registro, nelle ultime 24 ore ho bucato la stessa gomma della bicicletta tre volte. Poteva andarmi peggio, sto però iniziando a pensare che l’ultima foto che ho messo su Flickr c’entri qualcosa, anche se il gufo è stupendo.

Febbre da trainers

3 aprile 2006

2 commenti

Interessante l’intervista in due parti a Noel Gallagher degli Oasis pubblicata da The Terrace, tutta sul tema delle trainers Adidas e di chi le colleziona.

Niente male anche i tantissimi commenti, dove si ricordano con nostalgia le prime “Scarp de’ tenis” ricevute (le mie erano delle italianissime Valsport).

Diamo una mano ai censori

4 marzo 2006

10 commenti

Aggiornamento mondiali di calcio 2006: se siete arrivati qui cercando notizie su come vedere i mondiali di calcio gratis via Internet, andate a dare un’occhiata su My P2P World Cup, dove oltre alle informazioni sui programmi necessari e ad un forum di supporto, troverete la programmazione delle partite dei mondiali sulle televisioni P2P Internet. Buona visione!

Per una volta ho deciso di fare il cittadino modello e dare una mano ai censori, pubblicando un bell’elenco di risorse da far mascherare a tutti gli ISP nazionali. Lo so che le TV P2P per vedere calcio e altri sport gratis sono state decriminalizzate, e che ancora nessuno (almeno in Italia) ha attaccato il traffico di ebook scansionati artigianalmente, ma visto il clima è solo questione di tempo e tanto vale dare una mano alle nostre poco tecnologiche istituzioni.

questo post continua, leggi il resto

Pensieri sparsi su Internet, TV e P2P

16 febbraio 2006

4 commenti

Aggiornamento mondiali di calcio 2006: se siete arrivati qui cercando notizie su come vedere i mondiali di calcio gratis via Internet, andate a dare un’occhiata su My P2P World Cup, dove oltre alle informazioni sui programmi necessari e ad un forum di supporto, troverete la programmazione delle partite dei mondiali sulle televisioni P2P Internet. Buona visione!

Riprendo dal Treo qualche appunto su uno dei temi “caldi” del momento: l’incrocio tra Internet, TV e reti peer to peer che ha portato al sequestro e successivo dissequestro di Coolstreaming.it e Calciolibero.com.

Due cose mi colpiscono in particolare di questa vicenda, che va a mio parere interpretata come una delle tante avvisaglie di un cambiamento epocale in atto: l’accanimento delle emittenti contro un profilo di utenza che non è, e probabilmente non sarà mai, un target della loro offerta commerciale; l’ottusità dei media (non solo tradizionali) e della società in generale che, invece di cogliere i segnali positivi del cambiamento e tradurli in nuovi modelli di business, si arroccano a difesa di un modello di ripartizione geografica dei diritti di riproduzione che sta facendo acqua da tutte le parti.

questo post continua, leggi il resto

NPR, la rivincita della radio pubblica

30 settembre 2005

E’ sorprendente: mentre da noi la radiotelevisione pubblica è sempre stata identificata con il controllo politico dell’informazione (almeno fino a quando la RAI ne ha avuto il monopolio), negli Stati Uniti accade esattamente il contrario.

Oltreoceano, infatti, mentre i grandi network privati CBS, ABC, NBC e Fox hanno fama di essere controllati da precisi gruppi di interesse (che poi coincidono con quelli degli inserzionisti, loro primaria fonte di entrate),
l’informazione radiotelevisiva pubblica è ritenuta “per missione” libera al 100% da condizionamenti di varia natura.

E se da una parte la televisione pubblica PBS, che non ha mai scalfito l’egemonia degli altri network, non rappresenta una minaccia per i “poteri forti”, dall’altra la radio pubblica NPR (National Public Radio) si è conquistata un posto speciale nel cuore degli americani, sia di chi fa parte del sogno americano sia di chi ne è rimasto escluso, e sono i dati di ascolto a dimostrarlo.

questo post continua, leggi il resto