altre destinazioni

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

NPR, la rivincita della radio pubblica

30 settembre 2005

E’ sorprendente: mentre da noi la radiotelevisione pubblica è sempre stata identificata con il controllo politico dell’informazione (almeno fino a quando la RAI ne ha avuto il monopolio), negli Stati Uniti accade esattamente il contrario.

Oltreoceano, infatti, mentre i grandi network privati CBS, ABC, NBC e Fox hanno fama di essere controllati da precisi gruppi di interesse (che poi coincidono con quelli degli inserzionisti, loro primaria fonte di entrate),
l’informazione radiotelevisiva pubblica è ritenuta “per missione” libera al 100% da condizionamenti di varia natura.

E se da una parte la televisione pubblica PBS, che non ha mai scalfito l’egemonia degli altri network, non rappresenta una minaccia per i “poteri forti”, dall’altra la radio pubblica NPR (National Public Radio) si è conquistata un posto speciale nel cuore degli americani, sia di chi fa parte del sogno americano sia di chi ne è rimasto escluso, e sono i dati di ascolto a dimostrarlo.

questo post continua, leggi il resto

Sequestrati a New Orleans

7 settembre 2005

Se masticate l’inglese, leggetevi l’agghiacciante resoconto
dei due paramedici che erano a New Orleans per una conferenza e, dopo il
passaggio di Katrina, come tanti altri sono stati costretti dalle
forze dell’ordine a restare nell’inferno per giorni senza ricovero,
viveri, acqua o protezione. Riporto di seguito una breve sintesi con
una traduzione approssimativa dei passaggi che più mi hanno colpito.
[ title="Doc Searls Weblog - When help isn't on the way">via]

questo post continua, leggi il resto

Un portatile a 100 dollari

8 febbraio 2005

1 commento

Un portatile a 100 dollari pare sia l’ultima idea di Nicholas Negroponte (Wiesner Professor of Media Technology all’MIT e presidente fondatore del celebre MIT Media Laboratory), raccontata in un’intervista pubblicata ieri dalla BBC. L’idea mi piace molto, oltre che per le sue implicazioni per i paesi in via di sviluppo perchè è molto simile a un’idea che ho in testa da anni e che ho riportato qui in tempi non sospetti. Fa piacere vedere che qualcuno di decisamente famoso e con ampi mezzi a propria disposizione si sta muovendo nella stessa direzione.

[ via Boing Boing]

Finalmente anche da noi

2 febbraio 2005

4 commenti

TelviaGiuro che non prendo una lira, ma dopo tanto parlare di prezzi e velocità delle ADSL nostrane rispetto ai nostri cugini d’oltralpe mi sembrava doveroso segnalare questa mail ricevuta stamattina dal mio provider

Gent.le cliente,

La informiamo che nei prossimi giorni Telvia Le offrirà la possibilità di migliorare le performance della Sua ADSL aumentandone automaticamente la velocità da 640 kbps in ricezione e 256 kbps in trasmissione, a 1280 kbps in ricezione e 256 kbps in trasmissione.

[...]

Il canone mensile non subirà alcuna variazione.

E tutto questo dopo avermi appena approvato il cambio di contratto, senza IP fisso ma con canone dimezzato, senza che ne fossero obbligati. E in quasi cinque anni di servizio, i disservizi (qualche ora al massimo) si contano sulle dita di una mano.

Arteradio goes podcasting

26 gennaio 2005

3 commenti

il logo di ArteradioSi moltiplicano i segnali che il podcasting si stia lentamente aprendo una strada anche come nuovo canale di distribuzione per i broadcaster tradizionali. Con un certo ritardo (e anche su richiesta degli ascoltatori, compreso il sottoscritto) finalmente anche Arteradio, la più celebre delle web radio francofone, ha adottato il podcasting per la distribuzione dei suoi contenuti.

Arteradio, per chi non la conoscesse, è la costola “audio-on-demand” della più celebre Arte-tv, il canale televisivo finanziato dai governi francese e tedesco che dal 1992 trasmette programmi che da noi vengono definiti “culturali” per il solo fatto di essere migliori (e di parecchio) di…beh, semplicemente di tutti gli altri.

Arteradio, pur potendo contare su un budget estremamente ridotto, e su una formula di produzione decisamente autarchica, non è da meno – in termini di qualità d’offerta – della sua sorella televisiva, proponendo non una vera e propria programmazione, ma piuttosto una serie di reportage “on demand” che spaziano dall’attualità, al cinema, dal teatro alle arti visive…

Il tutto – e questo è uno degli aspetti più interessanti – sotto licenza creative commons, lasciando quindi ai broadcasters terzi la possibilità, citando la fonte, di riproporre liberamente questi brani audio.

Spero davvero che il podcasting serva da volano per questa emittente, che meriterebbe più attenzione per il solo fatto di aver dimostrato (budget e dati d’ascolto alla mano) l’efficacia di un business model completamente nuovo per la radio.

Meglio tardi che...

25 gennaio 2005

melablog.itArriviamo dopo tutti gli altri ad annunciare la nascita di melablog, e forse va bene così visto che si tratta pur sempre (almeno in parte) di progetti nostri. I più svelti avranno notato da qualche giorno i post di melablog comparire nella finestrella a fianco, chi invece non se ne fosse accorto fino ad ora sappia che melablog è un blog tematico del circuito blogo.it dedicato al mondo Macintosh (OSX, iPod, ecc.). Gli autori sono Daniel, Luca, Michele, Marco e (per ora a mezzo servizio e forse anche meno) il sottoscritto. Buona lettura!

Free Software Magazine

13 gennaio 2005

Free Software Magazine è una nuova rivista interamente dedicata al software libero, disponibile anche per il download in formato PDF. Il primo numero contiene articoli sui formati di file, XML, OSX, i live CD, perchè utilizzare il software libero, la gestione delle password, editoriali e una copia degli articoli apparsi sul blog di Richard Stallman.

[via Footnotes]

Pulizie periodiche

10 gennaio 2005

Ecco la razione periodica di link che si sono addensati nel mio aggregatore senza spingermi a farne post dedicati.

- Grisbi è un programma Gnome 2.x per la gestione delle finanze personali [via Footnotes]

- Wired è un programma per la produzione e la creazione di musica sviluppato con wxGTK, a giudicare dagli screenshot sembra avere mixer/effetti/sequencer e un po’ di gadget [via Slashdot ugh!]

- rsnapshot è una utility basata su rsync per fare backup incrementali veloci [via Jeremy Zawodny Linkblog]

- alcune semplici modifiche di configurazione per velocizzare Firefox [come sopra]

- Hello World! come estensione di Firefox [idem]

- Audio Recorder è un semplice programma per la registrazione audio sotto OSX [via Boing Boing]

- xfy è un editor XML sviluppato in Giappone che ha funzionalità avanzate come la modifica di grafici SVG in tempo reale [via Ongoing]

- Gtk-Womitor è un semplice script Python/PyGTK che traccia un grafico del segnale e della qualità del collegamento wireless [via Daily Python-URL]

Adesso manca solo di riassemblare lo studio, riparare il PC con le schede audio e registrare il prossimo podcast perchè la pulizia dell’aggregatore sia (quasi) completa. :)