altre destinazioni

seconda pagina

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Lightpress, reboot

23 giugno 2011

4 commenti

Qualcuno degli ormai rari lettori di questo blog forse ricorderà Lightpress, il frontend per WordPress che avevo sviluppato in Blogo, e accasato in seguito da Textdrive che lo aveva adottato tra le applicazioni sponsorizzate. Dopo parecchio lavoro e un po’ di (virtuali) soddisfazioni, circa cinque anni fa aveo deciso di interromperne lo sviluppo: in parte perchè pur essendo un progetto interessante quasi solo per blog commerciali, la licenza GPL faceva sì che in pratica lavorassi come consulente non remunerato (i nanopublisher non sono famosi in genere per avere un senso di equità sociale particolarmente sviluppato); e in parte perchè i miei interessi si erano nel frattempo spostati verso altre direzioni, tra cui Blogbabel.

Nel retrocranio però l’esperienza di Lightpress ha continuato a fermentare, e ogni volta che pensavo a mettere su un blog o mettevo le mani su quello di qualche parente o amico, mi rendevo conto che l’esigenza di tanti anni fa esiste ancora: WordPress ha una architettura vecchia, che non era particolarmente brillante neppure alle origini ma con il tempo e le stratificazioni successive è diventata davvero pessima, generando un sistema ipercomplesso, pieno di ridondanza, in cui è complicato mettere le mani (mai provato a tracciare l’origine di un dato attraverso decine di funzioni e include?) e che non usa nessuna delle tecniche di sviluppo di applicazioni web che sono ormai di uso comune come un sistema di template, codice a oggetti o perlomeno la separazione tra dati e viste logiche, un ORM (non tiratemi fuori l’aborto che è wpdb, tra l’altro utilizzato solo per alcune cose), ecc. ecc.

Così qualche tempo fa fa ho iniziato un po’ per gioco a buttare giù un frontend per WordPress in Django, riprendendo alcune delle idee di Lightpress e aggiungendone molte altre, e soprattutto cercando il più possibile di seguire la filosofia di progettazione e sviluppo delle applicazioni Python e Django. Ci è voluto molto più di quanto pensassi, un po’ per gli inevitabili mismatch tra il disegno della base dati di WordPress multiblog (agghiacciante come quasi tutto il resto) e il layer ORM di Django, un po’ per la quantità di funzionalità di cui tenere conto (commenti threaded o meno, categorie e pagine mono o multilivello, interazione diversa con utenti WP o anonimi, ecc.), ma dopo quasi sei mesi il primo prototipo è pronto, e sta servendo i blog che sono sul mio server, tra cui questo che state leggendo.

questo post continua, leggi il resto

Assassinio o atto di guerra?

2 maggio 2011

5 commenti

Stamattina aprendo (virtualmente) il giornale i due titoli più in evidenza erano “Ucciso Bin Laden” e “Ucciso il figlio di Gheddafi”. Il primo pensiero che ho avuto è stato sull’incredibile intensità che deve aver avuto l’azione militare condotta in Pakistan, di cui probabilmente non sapremo nulla per almeno una ventina d’anni, il secondo — più sensato — è stato molto simile a quello espresso qui pochi minuti fa.

Capisco l’entusiasmo, condivido il disprezzo per Bin Laden, quello che non mi va giù è che uno stato civile — e soprattutto uno in cui gran parte della popolazione non perde occasione per richiamarsi a valori cristiani su questioni anche meno rilevanti dal punto di vista etico e morale — possa icelebrare un assassinio istituzionalizzato. Specie se dovessero venire confermate le vittime civili conseguenti all’attacco di cui si parla su twitter.

Il rispetto per la vita umana, anche quella di un mostro, dovrebbe sempre venire prima di tutto. Specie quando un blitz come quello contro Osama non può essere considerato come atto militare da inquadrare all’interno di un conflitto tra due stati: chi decide chi sono “i nemici” in casi come questo? Quale è il confine che separa civili innocenti o comunque non coinvolti in maniera attiva, da combattenti assimilabili a forze militari di un esercito nemico? Lo spazio per atti arbitrari, una volta entrati nell’ordine di idee della “guerra totale”, è immenso.

Tre: stiamo aggiornando i sistemi...

19 marzo 2011

2 commenti

Stasera verso le sette, avendo esaurito il credito sul mio cellulare, ho fatto una ricarica Tre via home banking. Pochi minuti dopo mi arriva il messaggio di conferma, peccato che stasera il mio cellulare sia inutilizzabile: gli SMS non partono, e se provo a chiamare un messaggio mi avvisa che non ho credito sufficiente. E ovviamente, il numero gratuito per il controllo del credito non è attivo.

Mi armo di santa pazienza, e dopo aver scoperto che l’assistenza clienti può essere contattata solo dall’interno dell’area clienti web, che ovviamente è fuori uso, mi faccio prestare un cellulare e chiamo il servizio clienti Tre a pagamento. Mi risponde una signorina che gentilmente mi dice che “stanno aggiornando i sistemi”, che nessuno può controllare e tantomeno sistemare la questione, che il mio telefono è a tutti gli effetti inutilizzabile, e che “vedrà che probabilmente domani si sistema tutto”.

Ora, tolto il fatto che ho appena pagato un servizio che non è disponibile, se io dovessi dipendere dal cellulare per lavoro o peggio per un’emergenza, non potrei. Perchè Tre sta “aggiornando i sistemi”. Ora vado a controllare le tariffe degli altri operatori, questi sono dei totali incompetenti.

Vita con il Droide / convertire pdf in cbz

19 febbraio 2011

Come saprà chi ha letto il mio ultimo post, qualche tempo fa ho preso un cellulare con sistema operativo Android. Uno dei motivi per cui volevo un apparecchio moderno era per poter finalmente leggere — grazie allo schermo ad alta risoluzione — vecchi libri e manuali di pubblico dominio, di cui esistono solo versioni in pdf create scansionando i testi senza OCR. Il che, tradotto in parole comprensibili anche ai non geek, significa dover gestire testi che non posso essere reimpaginati automaticamente per adattarli a uno schermo piccolo, e che sono poi in genere anche molto pesanti, sia per l’occupazione di spazio che per le risorse di elaborazione necessarie a visualizzarli.

Speravo che con un dispositivo moderno, potente, con uno schermo ad alta risoluzione, e la disponibilità di parecchie applicazioni per la visualizzazione di PDF, sarei stato finalmente in grado di leggere i testi che mi interessano da tempo. Le cose si sono rivelate come al solito meno semplici del previsto.

questo post continua, leggi il resto

Qualche giorno con il Droide

1 febbraio 2011

Acer LiquidSettimana scorsa, complice un regalo di compleanno formato “cash” e un’inserzione su un sito di annunci locali, ho finalmente aggiornato il parco macchine tascabile sostituendo il SonyEricsson C901 e l’iPod Touch G1 (entrambi presi usati a suo tempo) con un Acer Liquid A1 nuovo di zecca.

Era un po’ che volevo uno smartphone moderno, ma l’idea di aprire un finanziamento per prendere uno con Tre (il mio gestore) non mi allettava poi tanto, e non riuscivo comunque a decidere se prendere un iPhone o provare un terminale Android. La disponibilità di qualche soldo e l’inserzione del Liquid a 170€ — che togliendo quanto prenderò vendendo il C901 e il Touch diventano 50€ — mi hanno evitato ulteriori lambiccamenti.

questo post continua, leggi il resto

Caro Blogo…

18 gennaio 2011

Leggo il post con cui Marco celebra il compleanno di Blogo e l’acquisizione da parte di Populis, e dato che non ho mai parlato in pubblico del mio coinvolgimento in quell’iniziativa mi sembra venuto il momento di fare alcune precisazioni al riguardo.

questo post continua, leggi il resto

Cara RAI…

19 dicembre 2010

2 commenti

Cara RAI, quando una squadra italiana gioca la finale del campionato del mondo per club, sarebbe opportuno avere un inviato sul posto e dare un po’ di spazio all’evento, specie se poi la squadra in questione vince. Ieri sera tra le otto  e le nove su Radio 1 RAI, dopo un paio di frasi di circostanza sulla vittoria dell’Inter durate una ventina di secondi, sono andati in onda: le intervisteagli allenatori di Cagliari – Chievo, la “moviola alla radio” della stessa partita, il prepartita e la telecronaca di Milan Roma. Qualche centinaio di milioni di persone hanno seguito il campionato del mondo, una squadra italiana ha vinto, ma per la RAI non fa notizia.

Correttori di bozze

13 novembre 2010

2 commenti

Sul Corriere online di oggi.