altre destinazioni

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Quant’è bello l’Ipad

31 maggio 2010

2 commenti

Stamattina, passando in edicola per prendere il settimanale ATM, sono rimasto a bocca aperta davanti a una pila di iPad nuovi di zecca, e dato che costavano poco mi sono detto: perchè no? E quindi dopo un road test di mezz’ora sui mezzi pubblici, ecco le mie prime impressioni.

I pro. E’ leggerissimo! E cosa ancora più incredibile, alla Apple hanno fatto il miracolo: si piega senza rovinarsi. Lo schermo poi è nitido e con un contrasto fantastico: i caratteri sono davvero neri, la pagina bianca, e in condizioni di luminosità normale non affatica assolutamente gli occhi. Ma la cosa più incredibile è il multi touch, per chi non l’avesse mai sperimentato funziona così: si piegano indice e pollice fino a farli quasi toccare, li si porta sull’angolo dell’iPad, lo si afferra, e si fa un movimento diagonale. A quel punto, parte un’animazione (fatta così bene che sembra davvero di spostare un oggetto fisico), e l’iPad cambia pagina. Fantastico! C’è anche una modalità per chi odia far sbirciare i vicini in metropolitana, che permette di piegare il device fino a oscurare completamente i contenuti. Devo dire che le hanno pensate davvero tutte! Il collegamento dati poi ha funzionato a meraviglia, anche in galleria: sono riuscito a leggere senza interruzioni per una ventina di minuti.

I contro. Mi aspettavo qualche animazione alla Harry Potter, ma le fotografie sono tutte statiche: poco male, tanto trovo i video assolutamente noiosi e non li guardo nemmeno sul PC e tantomeno in televisione, e in movimento poi mi avrebbero probabilmente fatto venire il mal di mare. Il suo vero problema però è che costa troppo poco: in metropolitana ce l’avevano quasi tutti. Peccato, speravo di fare un figurone, ma nessuno mi ha degnato neanche di un’occhiata di invidia o curiosità. Anzi, ho visto addirittura un modello più compatto, che sembra offrire contenuti gratuiti. Sarà vero?

Concludo con una foto, per farvi apprezzare il design rivoluzionario di questo splendido oggetto.

iPad

 

Epaper, una sperimentazione alternativa

28 aprile 2006

7 commenti

esempio fittizio di scelta delle sezioni di un quotidiano in formato elettronicoRiprendo a distanza di qualche ora il tema della distribuzione elettronica de la Repubblica annunciato ieri, ipotizzando un progetto alternativo che secondo me avrebbe molto più senso, e molto più successo.

Il progetto annunciato sembra infatti un’operazione puramente di marketing, che salta sul carrozzone di una tecnologia nuova e poco sperimentata (il lettore basato su eink), piuttosto che capitalizzare soluzioni esistenti con un’occhio all’utilizzo corrente dei media e della tecnologia.

questo post continua, leggi il resto

Epaper e media tradizionali

27 aprile 2006

1 commento

Massimo Mantellini segnala l’esperimento del gruppo l’Espresso che, seguendo l’esempio di editori stranieri come il New York Times, ha deciso di sperimentare la distribuzione elettronica del proprio quotidiano la Repubblica ad un ristretto numero di abbonati dotati del nuovo iRex Iliad.

Da accanito lettore di ebook non posso che essere contento di queste iniziative, nonostante i molti dubbi sull’ennesimo matrimonio tra editoria e nuove tecnologie. Temo però che la decisione di iniziare subito la sperimentazione sia poco felice, in parte per i problemi di gioventù che ancora affliggono l’iLiad e i lettori basati su eInk (dimensioni, lentezza di elaborazione delle pagine, assenza di lettori per i formati più diffusi, schemi di licenza dei contenuti machiavellici), in parte per i problemi cronici ancora irrisolti (DRM, prezzi paragonabili alle versioni stampate) che limitano la diffusione dei libri in formato elettronico.

Una diffusione degli ebook su larga scala sarà possibile solo quando le tecnologie saranno maturate e ci sarà un accordo globale sugli standard. E forse come osserva un commentatore del post di Massimo, quando saranno disponibili lettori di ebook con schermi srotolabili. Se vi interessa approfondire il tema, aggiungete al vostro aggregatore TeleRead, da cui ho tratto una buona metà dei link presenti in questo articolo.