altre destinazioni

ultimi post

ultimi commenti

tag principali

categorie

archivi

powered by

  • WPFrontman + WP

friends

copyright

  • © 2004-2011
    Ludovico Magnocavallo
    tutti i diritti riservati

Ciao ciao, Treo...

12 luglio 2007

10 commenti

Dopo la quinta (o sesta) rottura hardware in un anno e mezzo, un po’ a malincuore ho deciso di abbandonare il fido vecchio Treo 650, e passare a un Nokia e61i. I perchè di questa scelta sono presto detti: l’E61i è l’unico cellulare non Windows Mobile con una tastiera simile a quella del Treo, e con le funzionalità che Palm si ostina a non mettere sui suoi cellulari: una fotocamera con una risoluzione decente (2Mp contro quella VGA del Treo), e una connessione WiFI (c’è anche il supporto UMTS, anche se a me interessa meno). E come ciliegina sulla torta, sull’E61i gira Python per S60, quello ufficiale supportato dalla Nokia.

Dopo poco più di un giorno di utilizzo devo dire che la scelta è stata azzeccata, l’E61i è un aggeggio magnifico, e non solo dal punto di vista tecnologico: è sottile e leggero, realizzato con una combinazione di metallo e quella plastichina tra il marrone e il rossiccio utilizzata sull’N95, che non mi dispiace affatto. L’usabilità poi è la migliore tra i tanti palmari e cellulari che ho avuto tra le mani in questi anni: non è per niente lento come dicono tanti (specie se confrontato a quella ciofeca di Windows Mobile), e la scelta di abbandonare il tradizionale touchscreen è azzeccatissima, dato che ha costretto Nokia a realizzare un’interfaccia dove qualsiasi funzione è raggiungibile utilizzando un dito solo, portando agli estremi la strada che Palm aveva iniziato a percorrere con il Treo. La tastiera, dopo qualche minuto per familiarizzarsi, è davvero ottima, così come la selezione puntuale del tipo di connessione da utilizzare. E il browser web è incredibile, il primo davvero utilizzabile su un palmare.

Cosa non va? Davvero poco: lo schermo a risoluzione minore del Treo (o del T3 che ancora utilizzo ogni tanto), i font TTF su Mobipocket renderizzati con antialias (e credo con il bytecode interpreter di freetype disabilitato), l’attacco per le cuffie proprietario che obbliga ad un acquisto da qualche euro su Ebay, e i maledetti campi testo del browser web che si ostinano a mettera la prima lettera maiuscola. Forse anche il prezzo, ma in questo sono fortunato, dato che come il Treo l’E61i è un cellulare aziendale.

Tra la riconsegna del Treo e l’arrivo dell’E61i, ho avuto modo di provare un i-Mate K-Jam. Niente male, anche se dopo due minuti la tastiera estraibile diventa una scocciatura, e il pennino (o unghie appuntite da mandarino cinese) sono indispensabili come su tutti gli altri cellulari Windows Mobile. Concludo con un grazie a Carlo, di cui ricordavo un post sull’E61, che mi ha dato qualche dritta via IM appena ho acceso il telefono.

Cosa comprerà Luca?

12 gennaio 2007

9 commenti

Per i noti problemi nei commenti di BlogNation, posto qui sotto il commento che non riesco a pubblicare su Pandemia, in risposta alla domanda di Luca se sia meglio il Nokia E61 o l’Internet Tablet.

La scelta è presto fatta: vuoi un cellulare o un palmare (oversized)? La differenza tra i due device che citi è più o meno quella. L’E61 ha una tastiera, comodissima per email e SMS, dimensioni ridotte (ci sta in tasca) e connettività universale (via GPRS/UMTS). L’Internet Tablet (ma quello nuovo) pesa di più e non sta in tasca, ma ha uno schermo grande con una migliore risoluzione (e una webcam).

Il WiFi è un po’ sopravvalutato (tanto non è che ci siano tutte ‘ste reti aperte in giro, e a casa e in ufficio hai sempre un PC), quindi potresti anche prendere un Treo, che per me è ancora il miglior device multifunzione in circolazione. Provane uno prima però, non a tutti piace.

Non male anche il consiglio di prendere un Palm T|X: WiFi, schermo 480×320, audio e video di ottima qualità e miliardi di applicazioni disponibili. Manca una tastiera, come sull’Internet Tablet, però sta comodamente nella tasca posteriore dei pantaloni o in quella interna della giacca.

i-Mate JasJar

12 settembre 2005

3 commenti

Se avete 650 sterline (circa 950 euro) che vi crescono, da qualche giorno potete essere tra i primi ad avere il nuovo i-Mate JasJar (o HTC Universal, recensione e foto di Engadget), secondo me il cellulare-PDA veramente completo: veloce (500Mhz), schermo VGA, WiFi integrata, tastiera, macchina fotografica da 1.3Mp, presa per le cuffie standard. Peccato solo che costi davvero troppo, chissà perchè i nostri operatori non lo offrono in comodato: per una decina di euro al mese (anche qualcosa di più) cambierei operatore senza pensarci un secondo. [via]

Se invece come me non disponete di queste cifre ma pensate sia arrivato il momento di dotarvi di un PDA, con poco più di 100 euro potete portarvi a casa un Palm Tungsten C usato: schermo 320×320, tastiera, WiFi integrato, processore a 400Mhz e la qualità e cura dei dettagli per cui i Palm sono famosi.

Il futuro di PalmSource, Apple e il "platform disease"

10 settembre 2005

PalmAddict segnala un interessante articolo di The Register in cui viene analizzata l’acquisizione annunciata ieri di PalmSource da parte della società giapponese Access, che merita di essere letto anche da chi ha poco interesse per l’evoluzione del mercato dei palmari e cellulari.

questo post continua, leggi il resto

Today per Palm

5 agosto 2005

Today per PalmToday è un bel programmino gratuito per Palm, simile all’omonimo Today dei palmari Windows, che visualizza in un’unica schermata le informazioni relative ad appuntamenti, task e messaggi del giorno. Curioso il fatto che lo sviluppatore di Today abbia deciso di mettere all’asta il codice sorgente, per mancanza di tempo da dedicare allo sviluppo.

[via TK-BLOG]

FontSmoother per Palm e conversione di documenti online

2 agosto 2005

Un paio di link per chi usa un Palm (io purtroppo sono passato a uno Zaurus 5500 viste le limitazioni del mio Zire 71):